Una collaborazione tra ..." /> THEY SLEEP IN BONARIA HILL – Euclinews

Attualità

Published on giugno 9th, 2019 | by Euclinews

0

THEY SLEEP IN BONARIA HILL

di Anna Laura Serra

Una collaborazione tra Liceo Euclide e la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Cagliari e le province di Oristano e Sud Sardegna

Alle ore 17 del 6 giugno è stato portato in scena nella nostra scuola dalla classe IV C, lo spettacolo “They sleep on Bonaria Hill”, ispirato allʼantologia di Spoon River e allʼalbum discografico del cantautore Fabrizio De Andrè “Non al denaro, non allʼamore, né al cielo”. La rappresentazione è lʼesito scenico di un percorso per le competenze trasversali e l’orientamento, seguito dalla prof.ssa Giuliano, dalla prof.ssa Passeroni, dalla prof.ssa Serra e dal prof. Porceddu e svolto in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Cagliari.

Il percorso è partito dallo studio del Cimitero monumentale di Bonaria a Cagliari inserito in un programma di recupero che la Soprintendenza ha intenzione di attuare allo scopo di salvare dal degrado diverse opere scultoree e architettoniche di notevole fattura e pregio artistico, che versano purtroppo in un precario stato di conservazione. Il percorso è partito quindi dallo studio delle opere individuate dalla Soprintendenza, due delle quali sono attualmente in corso di restauro.

La necessità di sensibilizzare gli studenti alle problematiche della tutela e conservazione dei Beni Culturali, ha spinto poi i docenti sunnominati a realizzare un’attività che fosse relativa a diversi ambiti indirizzati a svolgere in modo più approfondito, il tema affascinante della memoria che i defunti trasmettono ai posteri e della traccia che il loro passaggio in questa vita terrena ha lasciato, testimonianza storica che i monumenti funerari contribuiscono a rendere eterna e intramontabile.

Costituito da parti recitate estrapolate dal capolavoro di Edgar Lee Masters, da epitaffi sui defunti del Camposanto di Bonaria, scritti dagli studenti, lo spettacolo ha dato la possibilità di perdersi nei meandri di una Cagliari ottocentesca, dimenticata da tanti, ma non ancora morta.

A rendere così suggestiva la rappresentazione ha senz’altro contribuito l’esecuzione dei brani musicali tratti tutti dalla discografia di De Andrè, (per l’alto valore culturale, melodico ed espressivo dei suoi testi), eseguiti dai ragazzi sotto l’esperta guida del prof. Massimo Ballicu e del maestro Marco Caredda, nonché la proiezione sullo sfondo delle mirabili rielaborazioni grafiche della prof.ssa Giuliano.

 

Tags: ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑