Ricordo quando la scorsa estate iniziai a legger..." /> Un giovane dell’Euclide a Recanati – Euclinews


Scuola

Published on giugno 9th, 2018 | by Euclinews

0

Un giovane dell’Euclide a Recanati

di Giacomo Porcu

Ricordo quando la scorsa estate iniziai a leggere Leopardi più per dovere morale che per interesse. Nella lista delle letture estive di italiano infatti c’erano le Operette Morali. Un giorno avevo trovato per puro caso nella vecchia casa di mia madre un libro che conteneva tutti i Canti, tutte le Operette e vari passi dello Zibaldone, quindi mi ero ritenuto abbastanza fortunato. Appena iniziata la lettura delle Operette quello che doveva essere un semplice compito delle vacanze si trasformò in un interesse e in una passione coltivata con ricerche personali e l’impegno della mia professoressa di italiano (anche lei patita di Leopardi) nel farci comprendere fino in fondo il pensiero di un autore fin troppe volte e per troppo tempo snobbato, che mi ha portato a sostenere prima la prova regionale e successivamente la prova nazionale del Premio Giacomo Leopardi organizzato dal Centro Studi Nazionali Leopardiani di Recanati. L’esperienza a Recanati è stata breve, ma estremamente intensa: a prescindere da chi abbia vinto il concorso, la vittoria è stata in generale di tutti dal punto di vista socio-culturale e umanitario. In due giorni ragazzi sconosciuti provenienti da tutta l’Italia hanno condiviso idee, pensieri, risate e culture delle loro proprie regioni che hanno fatto nascere amicizie. Tutto ciò è accaduto in un piccolo paesino marchigiano che di per sé non offre tanti motivi di svago o divertimento: Leopardi in fin dei conti aveva ben ragione a essere stufo delle solite passeggiate avanti e indietro per Recanati. Ma forse il punto di forza di questo paese è proprio la sua dimensione e la sua aura di pace e tranquillità che ha reso magici i giorni di permanenza; infatti i confronti avvenuti tra noi partecipanti sono nati tutti da quella calma lontana dal caos cittadino che mi ha fatto riflettere sul fatto che il dialogo vero e proficuo va ricercato e sostenuto con attenzione e pazienza, elementi che perdiamo nella fretta e nella poca considerazione dei momenti della nostra vita di tutti i giorni tra scuola, lavoro e impegni personali. È stata un’esperienza che mi porterò per sempre dentro perché mi ha fatto crescere come persona e mi ha dato la possibilità di apprezzare un autore che ha sempre ricercato il dialogo con i suoi simili perché sapeva che il confronto tra persone crea conoscenza e dubbi che portano alla ricerca di nuovi stimoli per la nostra mente. Spero che i miei futuri colleghi possano vivere la magia che può generare un luogo come Recanati e la letteratura e il pensiero di un uomo piccolo per dimensioni, ma grandissimo per personalità.

Tags: , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑