di Nicola Elia Santandrea

Astrofisica in Sardegna: dall’isola occhi puntati al cielo – Euclinews



Scienza

Published on marzo 24th, 2017 | by Euclinews

0

Astrofisica in Sardegna: dall’isola occhi puntati al cielo

di Nicola Elia Santandrea

Una rappresentativa del liceo Euclide ha recentemente preso parte ad una trasmissione radiofonica che è andata in onda l’8 marzo, avente per tema l’astrofisica, ma strettamente legata alla nostra terra in quanto tenuta interamente in sardo. In seguito alla messa in onda abbiamo pensato di approfondire il ruolo che questa stessa scienza ricopre all’interno del nostro territorio.

L’astrofisica è la branca della fisica che studia il passato della luce al fine di capire come si evolveranno gli oggetti celesti”. Così afferma dott. Ignazio Porceddu, fisico presso l’Osservatorio Astronomico di Cagliari che, dopo aver preso parte insieme a noi al programma radiofonico precedentemente citato, ha accettato la nostra richiesta di intervista.

Afferma che in questi ultimi anni vi è stato un incremento dell’importanza di tale disciplina sul territorio sardo, soprattutto grazie alla costruzione di alcune strutture, appartenenti all’Inaf (Istituto Nazionale di Astrofisica), che hanno fatto aumentare l’interesse e la sua importanza sulla nostra isola.

l’Inaf possiede due strutture di importante rilievo nel territorio sardo:

l’OAC, ovvero l’Osservatorio Astronomico di Cagliari,

l’SRT, il Sardinia Radio Telescope.

L’SRT, situato nella località di “Pranusanguni”, nel comune di San Basilio, quindi in provincia di Cagliari, è il radiotelescopio italiano più grande nonché quello più tecnologicamente avanzato. Esso è la punta di diamante dell’astrofisica sarda ed è parte del network internazionale EVNEuropean VLBI Network.

L’OAC, situato invece a Selargius, sempre in provincia di Cagliari, è la sede degli uffici, dei laboratori e delle risorse di calcolo dell’Inaf in Sardegna, con anche diverse strutture dedicata alla divulgazione dell’astrofisica. Al suo interno fisici, astronomi e ingegneri non solo italiani collaborano, alimentando una costante ricerca.

Si può dunque constatare che il panorama astrofisico sardo riserva molte sorprese. Ma vi è un piccolo ostacolo; infatti a Cagliari non è possibile studiare astrofisica. Questo potrebbe costituire un ostacolo per i neodiplomandi sardi che vorrebbero intraprendere questo percorso di studi. Vi è pero fisica, che come afferma il dott. Porceddu è la più indicata in mancanza della prima, percorso di studi che lui stesso ha fatto.

Vorremmo in conclusione ringraziare dott. Porceddu per la disponibilità a noi data.

Tags: , , , , , , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑