Salute e Benessere

Published on aprile 26th, 2016 | by Euclinews

0

Tumori, la speranza di una cura è nelle “cellule killer T”

di Andrea Greco

I tumori sono uno dei mali che oggi devastano la vita di tante persone e la ricerca, in questo campo, si impegna molto per riuscire a trovare una cura. La nuova scoperta è quella che riguarda le “cellule killer T”.

Si tratta di una nuova cura sperimentale contro la leucemia ma che a livello teorico potrebbe essere adottata contro tutti i tipi di tumori.

Sviluppata dal gruppo di ricerca dell’Irccs Ospedale San Raffaele e università Vita-Salute San Raffaele capitanato da Chiara Bonini (vicedirettrice della Divisione di immunologia, trapianti e malattie infettive del medesimo ospedale), è stata presentata a Washington al congresso annuale dell’American Association for the Advancement of Science (Aaas). Questa nuova cura si baserebbe sulla scoperta della modificazione genetica dellinfocita T”. Quest’ultimo, essendo già un anticorpo con la funzione di distruggere gli agenti patogeni, acquisterebbe la capacità di distruggere anche le cellule cancerogene.

Lo studio di questi linfociti è partito poco prima degli anni 2000 e dopo gli iniziali risultati positivi in laboratorio sono iniziate le prime sperimentazioni. Dieci persone affette di leucemia hanno subìto un trapianto di cellule staminali e anche l’infusione di linfociti T geneticamente modificati. Questi, dopo la ricerca del codice genetico delle cellule cancerogene, sono stati modificati con il gene TK che permette al linfocita T di compiere una ricerca mirata alle cellule cancerogene responsabili della malattia e di distruggerle.

I risultati dell’esperimento sono stati visibili in pochi anni. Al termine della cura infatti i pazienti presentavano valori immunologici totalmente nella norma corrispondenti quindi a quelli di una persona sana.

L’esperimento però non ha provocato solo l’eliminazione della malattia: la modifica genetica ai linfociti T ha infatti permesso anche che il corpo ricreasse autonomamente gli anticorpi, creando così un sistema immunitario in grado di combattere una nuova insorgenza del male.

Ora la ricerca continua per la decifrazione dei codici genetici anche di altri tipi di cancro e di tumori.

La dottoressa Bonini ci riempie di speranza affermando in un intervista su Vanity Fair che “la decifrazione degli altri codici genetici non è lontana”, e quindi non è la lontana la scoperta di una cura universale contro ogni cancro.

Viviamo, infatti, in un mondo in cui ormai quasi un miliardo di persone (secondo il Washington’s Institute for Health Metrics and Evaluation) sono fumatori e quindi aumentano le probabilità di un cancro, senza dimenticare che l’incremento dell’inquinamento mondiale attraverso radiazioni e polveri sottili fa crescere la probabilità di insorgenza di queste patologie.

 

 

Tags: , , , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑